Previous ] Up ] Next ]

Tonga - 2

 

Tonga - March 6, 2005

 

Feel free NOT to believe it, but there’s around here another Cyclone. The FOURTH (!!!) after my arrival.

Yesterday we tried for some windsurf pictures in a almost-never-surfed reef but we had to flee because of the harsh rains and the buffeting wind.

And, from that time, it rained almost without interruption for eighteen hours!

A tropical downpour, with big fat drops hurtling down from the sky to pierce the ocean surface.

This night I had to lower and tie in position the wooden shutters, big like tables, so to prevent the rain to reach my bed. In the bathroom some leaks dripped almost musically and continuously directly inside the water closet.

Only this morning, at dawn, a bruised sun revealed between and behind huge grey clouds.

 

Almost final considerations after a month in Tonga.

February it’s NOT the best month to come here, if you’re not interested in wind sports, like windsurf. In a full month I’ve seen only a couple of days without wind.

For spearfishing, the southern island of Tongatapu has almost no organization for helping you take big blue water fish.

For this, the best place to try is in Vava’u, where there’re plenty of boats and skilful captains to help you.

In any case, again, February is not the right month. The best months for big fish are July, August and, better still, September and October.

The news that Blue Water fish can be tackled already have been spread there, by me and by some few guys just before me, so the road is now open.

 

A last word on my next leg.

I’ll leave for Fiji tomorrow in the afternoon (the check-in is at midnight and the fly departs at two o’clock in the morning!). I do NOT know if I’ll be able there to keep so a rapid-pace update of my site. The crushing news are that just yesterday went broken my brand new Iridium Cellular phone.

So I lost my personal, independent and dearly paid for connection to the Internet.

From now on I’ll be reduced, like all common mortals, to the presence of Internet Points along the road.

So it’ll be OK for the emails. For the update of site, instead, I’ll have to find one of those can let me insert a CD or a USB pen in their precious computers. Not so common, alas…

See you in Fiji.

 

Ah, anyone out there, interested in a beautiful book on gorgeous Tongan flowers?

Che ci crediate o no, ma c’è in giro da queste parti un altro ciclone. Il QUARTO da quando sono arrivato qui.

Ieri abbiamo tentato di scattare alcune foto di windsurf in un reef quasi mai surfato ma siamo dovuti fuggire per la pioggia battente e il vento cattivo e rafficato.

E, da allora, ha piovuto senza interruzione per diciotto ore!

Un acquazzone tropicale, con gocce gonfie e corpulente, che precipitavano dal cielo a bucare la superficie dell’oceano.

Questa notte ho dovuto abbassare e legare in posizione le persiane di legno, grosse come una tavola da pranzo, per impedire che la pioggia raggiungesse il mio letto. Nella stanza da bagno qualche fessura ha fatto cadere quasi musicalmente ma continuamente goccioloni direttamente dentro al WC.

Solo questa mattina, all’alba, un sole livido si è rivelato tra cortine di enormi nuvoloni grigi.

 

Qualche considerazione quasi finale dopo un mese a Tonga.

Febbraio NON è il mese migliore per venire qui, se non siete interessati in sport del vento, come il windsurf. In un mese intero ho visto solo una coppia di giorni senza vento.

Per la pesca subacquea l’isola di Tongatapu, a sud, non ha quasi organizzazione per aiutarvi a prendere i grandi pesci del blu.

Per questo scopo, il miglior posto da tentare è Vava’u, dove ci sono diverse imbarcazioni e abili capitani ad aiutarvi.

In ogni caso, ancora, febbraio non è il mese giusto. I mesi migliori sono luglio, agosto e, ancora meglio, settembre e ottobre.

Le novità che i pesci del blu possono essere tentati sono già arrivate là, portate da me e da pochi altri subito prima di me, così la strada ora è aperta.

 

Un’ultima parola sulla mia prossima tappa.

Partirò domani pomeriggio (il check-in è a mezzanotte e il volo parte alle due di mattina!). NON so se sarò in grado di tenre il mio sito aggiornato in tempi così brevi. L’orrenda novità è che proprio ieri si è rotto il mio satellitare Iridium nuovo di pacca.

Ho così perso la mia personale, indipendente e carissimamente pagata connessione ad Internet.

Da ora in avanti sarò ridotto, come i comuni mortali, alla presenza degli Internet Point lungo la strada.

Andrà bene per le e-mail . Per l’aggiornamento del sito, invece, dovrò trovarne uno che mi lasci inserire un CD o una penna USB nei loro preziosi computer. Un fatto, ahimè, non così comune.

Ci vediamo alle Fiji.

 

Ah, c'è nessuno, lì fuori, interessato ad un bel libro su spettacolosi fiori Tongani?

 

 

Vava'u - Tonga - March 2, 2005

 

Last day in Vava’u, wonderful island.

The fly is six hours late and so in Lupepau'u, the Vava’u International Airport, under a wild rain, I’m just now updating my site.

Yesterday night, dinner at Ciao Restaurant, just under the magnificent St. Joseph’s Cathedral, very good pizza and pasta restaurant, owned by Franco, kind and well travelled, originally from Tuscany (Phone-Fax 71030 – mobile 12474).

Ultimo giorno a Vava'u, isola magnifica.

Il volo ha sei ore di ritardo per cui qui, a Lupepau'u, l'aeroporto internazionale di Vava'u, sotto una pioggia selvaggia, proprio ora sto aggiornando il mio sito.

Ieri sera, cena al Ristorante Ciao, proprio sotto la magnifica Cattedrale di San Giuseppe, ottimo ristorante di pasta e pizza, con proprietario Franco, gentile e giramondo, originariamente della Toscana (Tel-Fax 71030 – cellulare 12474).

 

Franco's Ciao Italian Restaurant in Vava'u

 

 

Vava'u - Tonga - March 1, 2005

 

Two days cycling around the island, with a camera on my back, the old faithful GPS recording every turn I took (and also, unobtrusively, every position of every picture I took!) and bringing me home even out of the thickest bushes, a plastic bag to put the camera inside for the frequent, hot, showers from the sky.

My aim? Flowers!

Due giorni in bicicletta in giro per l'isola, con una macchina fotografica sulla schiena, il vecchio fedele GPS che memorizza ogni giravolta che faccio (e anche, silenziosamente, la posizione di ogni fotografia che scatto!) e che mi riporta a casa anche dal più fitto dei boschi, un sacchetto di plastica per riparaci dentro la macchina fotografica per i frequenti, caldi, acquazzoni.

Il mio bersaglio? Fiori!

 

 

Vava'u - Tonga - February 27, 2005

 

Today is the day!

I’ve booked the 27 foot Target One owned by Henk Gros

www.visitvavau.com/target1

owner also, with Sandra, of the Backpacker Lodge. I've to thank them here for their kindness and professionality.

I’m the first wild Blue Water Spearfisher Henk has seen so some introduction of the fishing technique itself and of the IBSRC association with which I’ll like to claim a potential record is in order.

After that we leave. The plan is to go out in the west side of the island, under the high cliffs, so to be out of the harsh winds that even today are blowing. There, where the current and the wind create a sort of funnel between the rocks, it’s altogether possible, even if not perhaps probable in this season, to find a Marlin lurking in the deep waters waiting for some fish.

The trip out of the harbour is long, almost one hour, but finally here we are. I’m eager to be in the water. The blue marlin seen a couple of days before is itching in the back of my mind.

In the water finally. Totally, completely alone with the Deep Blue .

As always, the foremost thought is oneness with the water, dissolving in it any thought. I dive repeatedly, slowly.

I’ve really not a clear idea of how much the water is clean. Without bottom under me it’s always difficult to say. But I keep up the concentration. Every dive I keep slowly forming in my mind an image of the marlin coalescing from just what is all around: water. And I’m in peace. All the bustle to be here, the hope for the fish, the obsessive check of all the gear to be up to the challenge, all, are surface worries, lost there. Here, in the blue, there’s no space for them, only the slow thump of my heart and the endless underwater glide.

The trouble is that sometimes I have to go back to the surface to breath. And there I found the wind, the agitated surface, and the harsh sounds of all of this. And, almost disappointing, Henk telling me to move because the birds were not anymore above my head.

And so I wander on the Ocean surface, sometimes above it, in the boat, following those hints of the fish presence the surface itself give away, sometimes, for blessed minutes, under it.

To no avail. No marlin ever appeared to match my image of it underwater.

As a last try I made three drift around one of the FAD, but there were only mahi-mahi (dolphin fish), a couple of bulls of relatively good size, around 15 kilos. I was not interested. I didn’t need a kill there and then. And so the day finished. There’re still Blue Marlin in Vava’u to take.

 

Vava’u west coast FAD approx position, with a southeast wind: 18 deg 33.6 min South – 174 deg 3.9 min West.

Oggi è il giorno!

Ho prenotato la barca di 27 piedi (circa 8,5 m), il Target One, proprietario Henk Gros:

www.visitvavau.com/target1

proprietario anche, con Sandra, del Backpackers Lodge. Devo qui ringraziarli per la loro gentilezza e professionalità.

Io sono il primo selvaggio Pescatore del Blu che Henk abbia visto per cui è bene presentare sia la tecnica di pesca in sé sia l’associazione, IBSRC, presso cui poi potrei richiedere l’assegnazione del record.

Dopo di che, partiamo. Il piano è di andare nella parte ovest dell’isola, sotto le alte pareti, così da essere al riparo dai forti venti che anche oggi stanno soffiando. Là, dove la corrente e il vento creano una specie di imbuto tra le rocce, c’è la possibilità, anche se forse non la probabilità in questa stagione, di trovare un Marlin in agguato nell’acqua profonda, in attesa di qualche pesce.

Il viaggio fuori dal porto è lungo, quasi un’ora, ma finalmente ci siamo. Sono ansioso di entrare in acqua. Il blu marlin visto un paio di giorni fa è un costante solletichio nello sfondo della mia mente.

Finalmente in acqua. Totalmente, completamente solo con il Blu Profondo. Come sempre, il pensiero principale è l’unicità con l’acqua, il disciogliere in essa ogni pensiero. Mi immergo a ripetizione, lentamente.

Non ho nessuna idea di quanto sia limpida l’acqua. Senza fondo sotto di me è sempre difficile da indovinare.

Tengo alta la concentrazione. Ogni immersione continuo a formarmi lentamente nella mente un’immagine del marlin che si coagula da quello che c’è intorno: acqua. Sono in pace. Tutto lo scompiglio per arrivare fin qui, la speranza per il pesce, l’ossessivo controllo perché tutta l’attrezzatura sia all’altezza della sfida, tutte, sono preoccupazioni della superficie. Qui, nel blu, non c’è spazio per tutto ciò, solo il lento battito del mio cuore e l’infinita planata subacquea.

Il problema è che qualche volta devo tornare in superficie a respirare. E lì trovo il vento, l’agitata superficie, e gli aspri suoni di tutto ciò. E, quasi con dispiacere, Henk che mi dice di spostarmi perché gli uccelli non erano più sopra la mia testa.

E così io vago per la superficie dell’Oceano, qualche volta sopra di essa, nella barca, seguendo quei fuggevoli indizi della presenza del pesce che possa tradire, qualche volta, per minuti felici, sotto di essa.

Senza risultati. Nessun marlin è mai apparso a far coincidere la sua immagina subacquea con la mia.

Un ultimo tentativo. Faccio tre drift intorno ad uno dei FAD, ma ci sono solo mahi-mahi (lampughe), una coppia di maschi di relativamente buone dimensioni, circa 15 chili. Non sono interessato. Non ho bisogno di un altro pesciotto morto qui ed adesso. E così il giorno finisce.

Ci sono ancora blu marlin da prendere a Vava’u.

 

La posizione approssimata per il FAD della costa ovest di Vava’u, con vento da sud-est, è 18 gradi 33.6 min Sud – 174 gradi 3.9 min Ovest.

 

The 30 miles trip. VAVFAD wp is the FAD

Henk Gros

...coral rocks in deep water

 

Vava'u - Tonga - February 26, 2005

 

I can’t just today book the boat to go out spearfishing because there has been a tournament and the boat it’s not free. I’ll dive tomorrow.

Today instead I rented for half a day a taxi and I roamed the island.

Incredible sightseeing! The island is utterly different from Tongatapu. Here they have serious hills, even if they call them mounts, of more that 100 m. The landscape from the Mt. Talau top (131m) for example is simply breathtaking.

And around the island the flowers are of a fierce, wild beauty.

The challenge now will be to identify each species!

Oggi non posso ancora prenotare la barca e uscire a pescare perché c’è stata una gara di pesca e la barca non è libera. Uscirò domani.

Oggi invece ho affittato per mezza giornata un taxi e ho vagato per l’isola. Panorami incredibili! L’isola è completamente diversa di Tongatapu. Qui hanno colline vere, anche se le chiamano montagne, di più di 100 m d’altrzza. Il panorama dalla cima di Monte Talau (131m) per esempio toglie letteralmente il fiato.

E in giro per tutta l’isola i fiori hanno una bellezza intensa, selvaggia.

La sfida sarà poi identificare ogni specie!

 

Mt. Talau landscape

 

Vava'u - Tonga - February 25, 2005

 

First day in Vava’u, northernmost island of the Tongan archipelago. The plane, contemplating it in the turf, is a monument to human hopefulness and faith in its mechanical abilities. It’s an OLD (1943!!!) Douglas DC 3, that is older than me and probably it was also part of the Pacific WWII.

The fly itself was uneventful, IF NOT for the panorama below us! It was what around the world people visualizes when thinking about South Pacific. Little coral islands of all the conceivable shades between pale turquoise to indigo blue.

At the airport a fast connection the my accommodation, Adventure Backpackers Lodge

www.visitvavau.com/backpackers

Beautiful, clean, charming its common room.

Immediately, as always both sufferance and hope mingling together, in the harbour a massive Blue Marlin of about 180 kg!

Sufferance because that magnificent fish was not mine, hope because there IS this kind of fish, here in Vava’u.

Primo giorno a Vava'u, l'isola più a nord dell'arcipelago tongano. L’aeroplano, contemplandolo nel prato, è un monumento alla speranza umana e fede nelle sue abilità meccaniche. È un VECCHIO (1943!!!) Douglas DC3, che è più vecchio di me e probabilmente è stato anche parte della Seconda Guerra mondiale nel Pacifico. Il volo in sé è senza storia, NON FOSSE per il panorama sotto di noi! È tutto quello che in tutto il mondo la gente visualizza quando pensa al Pacifico del Sud. Piccole isole coralline di tutti i possibile toni tra il turchese leggero al blu indaco profondo. All’aeroporto un veloce spostamento alla mia nuova sistemazione, Adventure Backpackers Lodge

www.visitvavau.com/backpackers

Bello, pulito, affascinante la sua stanza comune. Immediatamente, come sempre con un mescolamento di afflizione e speranza, nel porto un corpulento Marlin Blu di circa 180 chili! Afflizione perchè questo spettacoloso pesce non è mio, speranza perché vuol dire che questo tipo di pesce ESISTE qui in Vava’u.

 

1943 Douglas DC3

Little coral islands...

Backpackers Lodge common room

...massive Blue Marlin

 

Tonga - February 23, 2005

 

Last day in the Ocean for this Tongan trip for Massimo.

We discovered just yesterday, reading a guide and then a magazine, the existence of a FAD (Fish Aggregation Device) in Tongatapu waters. No one before told us about it. So today we tried.

Waters, finally, of incredible clarity: 30 meters from me Massimo was waiting, clutching the chain of the FAD and it was crystal clear from the fifteen meters dive I was intent to.

Massimo there, with a little gun, speared a beautiful Mahi-mahi, local name for the dolphin fish (Coryphaena hippurus).

We moved aftar that on the Duff Reef and there I've seen a good-sized, but totally disinterested, wahoo.

And also, today, i cut my hair!

Ultimo giorno nell'Oceano per questo viaggio Tongano di Massimo.

Abbiamo scoperto proprio ieri, leggendo una guida e poi una rivista, l'esistenza di un FAD (Fish Aggregation Device) nelle acque di Tongatapu. Nessuno prima ce ne aveva parlato. Così oggi abbiamo fatto un tentativo.

Acqua, finalmente, di una limpidezza assoluta: a 30 metri da me Massimo si teneva stretto alla catena del FAD ed era chiarissimo dai quindici metri di profondità dell'immersione che stavo facendo.

Massimo ha preso un bel Mahi-mahi, nome locale per la lampuga (Coryphaena hippurus).

Di lì ci siamo spostati al Duff Reef dove ho visto un wahoo di buone dimensioni ma totalmente disinteressato.

E anche, oggi, mi sono tagliato i capelli!

 

FAD in the wind

Massimo's mahi-mahi

Thanks Pilisani

 

Tonga - February 22, 2005

 

This evening arrived the fatal news that Massimo has to leave. By a mixture of lies, words told but never kept and sheer bullying his bosses reduced his vacations time from one month, as it was always been, by half. A last desperate try was meet with scorn. So tomorrow Massimo Scalambretti, by now fast friends, has to return home.

A REAL, REAL pity. We had already planned a side trip to Vava’u, the northernmost island of the archipelago...

 

The only, meagre, satisfaction today has been a night dive. I accompanied a couple of guest of the resort. They were diving with bottles in shallow waters (15 m) watching soft corals and drowsy fish. I was dancing around them in my apnea-diving liberty, with long fins and no-weight freedom.

Questa sera è arrivata la fatale notizie che Massimo deve partire. Tramite un misto di bugie, cose dette ma mai mantenute e pura e semplice prepotenza i suoi capi hanno ridotto la sua vacanza da un mese, come è sempre stato, della metà. Un ultimo disperato tentativo è stato accolto con disdegno. Così domani Massimo Scalambretti, già divenuto amico intimo, deve tornare a casa.

Un peccato DAVVERO, DAVVERO. Avevamo già pianificato insieme un viaggio a Vava'u, l'isola più a nord dell'arcipelago...

 

L'unica, magra, soddisfazione oggi è stata un'immersione notturna. Ho accompagnato due ospiti del resort. Loro si immergevano con le bombole in poca acqua (15 m) ammirando coralli molli e pesci insonnoliti. Io danzavo loro intorno con la mia libertà di apneista, con le pinne lunghe e l'indipendenza dell'essere senza peso.

 

 

Tonga - February 21, 2005

 

Still, still, still, storms, rains, harsh winds. The Ocean surface almost white, whipped up like whipped cream from the continuous winds.

Ancora, ancora, ancora, temporali, piogge, venti forti. La superficie dell'Oceano bianca, montata a neve dai venti continui.

 

Previous ] Up ] Next ]